Autonomo per Modulo alle Canarie – Tutto quello che devi sapere

avvocato comprare casa las palmas canarie tenerife fuerteventura lanzarote

Francesco J. De Liso

Abogado – Asesor Fiscal

Il sistema di partita iva Autonomo per Modulo alle Canarie, che in tanti chiamano forfettario in maniera incorretta, è una delle opzioni disponibili per il lavoratore autonomo per adempiere all’Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche (IRPF).

Questo metodo per Moduli è particolarmente vantaggioso perché semplifica notevolmente la gestione fiscale e contabile per il lavoratore autonomo. Come vedremo, le formalità richieste sono meno gravose.

Inoltre, le imposte non sono correlate all’andamento dell’attività (entrate e uscite), ma vengono calcolate sulla base di una quantità fissa determinata da specifici indicatori (o moduli), su cui vengono applicate aliquote o percentuali per determinare il rendimento dell’attività (come la superficie del locale, l’uso di energia elettrica, il numero di dipendenti, ecc.).

Non tutti i lavoratori autonomi possono però optare per il sistema per modulo per il loro IRPF. Negli ultimi anni, le misure introdotte per combattere l’evasione fiscale hanno inasprito i criteri per accedere a questo sistema. Di conseguenza, possono utilizzare questa modalità solo gli imprenditori e alcune attività professionaliad altre attività imprenditoriali principali che soddisfano determinati requisiti.

AUTONOMO MODULO CANARIE

Pagamenti trimestrali in regime Modulo: come si calcolano?

Come qualunque altro lavoratore autonomo, anche i lavoratori indipendenti che adottano il sistema dei Moduli devono effettuare i pagamenti frazionati dell’IRPF su base trimestrale, tramite la compilazione del modello 131.

Dovrai farlo tra il 1° e il 20 del mese di aprile (per il primo trimestre dell’anno), luglio (secondo trimestre) e ottobre (terzo trimestre).

La dichiarazione relativa al quarto trimestre deve essere presentata tra il 1° e il 30 gennaio dell’anno solare successivo.

Inoltre, ciò non ti esonera dal presentare la Dichiarazione dei Redditi annuale, utilizzando il modello D-100.

Tieni presente che i pagamenti anticipati effettuati tramite il modello 131 dovranno essere sottratti dall’importo dovuto nella tua dichiarazione dei Redditi, determinando così se l’importo finale sarà “a pagare” o “a rimborsare”.

Requisiti per i lavoratori autonomi che utilizzano il regime dei moduli per la tassazione alle Canarie

  1. L’attività deve essere inclusa nell’elenco approvato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze che regola il Regime di Stima Obiettiva e non deve superare i limiti specificati per ciascuna attività.
  2. Il volume dei ricavi lordi nell’anno precedente non deve eccedere i seguenti importi:
  • 250.000 euro per l’insieme delle attività economiche. Si considerano tutte le operazioni, con obbligo di fatturazione o meno, e le operazioni dove esiste l’obbligo di fatturazione quando il destinatario è un imprenditore o professionista, non superando i 125.000 euro.
  • Il limite è anch’esso 250.000 euro per l’insieme delle attività agricole, zootecniche e forestali.
  1. Il totale degli acquisti di beni e servizi nell’anno precedente, esclusi gli investimenti in immobilizzazioni, non deve superare i 250.000 euro annui (IVA esclusa).
  2. Le attività economiche non devono essere svolte al di fuori del territorio nazionale, né parzialmente né totalmente, rientrando quindi nell’ambito dell’IRPF.
  3. Non devono aver rinunciato, né esplicitamente né implicitamente, all’applicazione del regime dei Moduli.
  4. Non devono aver rinunciato o essere stati esclusi dal regime semplificato dell’IVA e dal regime speciale semplificato dell’Imposta Generale Indiretta Canarica (IGIC). Non devono aver rinunciato al regime speciale dell’agricoltura, zootecnia e pesca dell’IVA, né al regime speciale dell’agricoltura e zootecnia dell’IGIC.
  5. Nessuna attività esercitata dal contribuente deve rientrare nella stima diretta, in nessuna delle sue forme.

Inoltre, i lavoratori autonomi che utilizzano il regime dei moduli per la tassazione devono aderire a uno dei seguenti regimi speciali dell’IVA:

  • Regime semplificato dell’IVA.
  • Regime Speciale di Agricoltura, Zootecnia e Pesca.
  • Sovrapprezzo di Equivalenza.

Quanto paga un autonomo nei moduli?

Nel sistema dei Moduli, il reddito netto viene calcolato sulla base di parametri oggettivi o moduli stabiliti dall’Agenzia delle Entrate per ciascuna attività. Tali parametri possono includere il numero di dipendenti, il personale non retribuito, la potenza elettrica installata, la superficie del locale, e così via.

A questi moduli si applicano coefficienti di riduzione (per incentivi all’occupazione e agli investimenti) e vari indici correttivi: popolazione del comune, durata della stagione dell’attività, nuove attività (20% per il primo anno, 10% per il secondo), e superamento di specifici limiti.

Inoltre, nel regime di Stima Obiettiva, è possibile dedurre le ammortizzazioni delle immobilizzazioni.

I moduli utilizzati nella tua attività devono essere moltiplicati per gli importi stabiliti per ciascuno di essi in base al numero di unità utilizzate nello svolgimento dell’attività stessa.

Per le attività agricole, zootecniche e forestali, si deve moltiplicare il volume totale dei ricavi (comprese le sovvenzioni correnti o in conto capitale e gli indennizzi) per l’indice di rendimento netto applicabile.

Una volta determinato il rendimento netto preliminare, applicando le moltiplicazioni sopra descritte, bisogna applicare le riduzioni pertinenti per incentivi all’occupazione e agli investimenti.

Questo darà come risultato il rendimento netto ridotto.

A seconda dell’attività, potrebbe essere necessario applicare determinati indici correttivi (ad esempio, per essere una piccola impresa, per svolgere attività stagionali, o anche per attività iniziali, tra altri eventuali), ove applicabile.

A questa cifra, dovrai sottrarre l’aliquota generale del 5%, ottenendo così il rendimento netto dell’attività.

Infine, dovrai sottrarre da questo risultato la riduzione prevista per alcune attività economiche di contribuenti con redditi non esenti inferiori a 12.000 euro (Art. 32.2.3º della Legge IRPF).

Si può anche dedurre lo 0,5% se, avendo diritto alla detrazione per investimento nella prima abitazione, si sta rimborsando un prestito destinato all’acquisto della stessa.

Questo ultimo calcolo porterà al rendimento netto ridotto totale.

Richiedi una consulenza fiscale ai commercialisti del nostro studio per verificare che la tu possa svolgere la tua attività alle Isole Canarie in regime modulo.

    Contattaci

    Info

    Las Palmas de Gran Canaria         Calle Triana n.48 Oficina 10      Telefono +34 658 071 848 francesco@fiscaltaxcanarie.com

    0
    Would love your thoughts, please comment.x
    × Posso aiutarti?