NOVITÀ FISCALI NEL 2024 PER LE DITTE INDIVIDUALI ALLE ISOLE CANARIE

Avv. Francesco Junior De Liso

Esperto in Fiscalità delle Canarie

LE PARTITE IVA ALLE ISOLE CANARIE NEL 2024 VEDRANNO ALCUNI CAMBIAMENTI

Nel 2024 ci saranno alcune novità fiscali che avranno un impatto sui lavoratori autonomi in Spagna e quindi su tutte le Isole Canarie.

I lavoratori autonomi rappresentano circa il 16% dell’occupazione in Spagna, quindi qualsiasi novità nella tassazione di questo gruppo ha un grande impatto.

Le novità fiscali per i lavoratori autonomi nel 2024 rappresentano un supporto all’attività economica di questo gruppo.

In generale, queste novità comportano una riduzione del loro carico fiscale e un risparmio significativo.

Questi fondi potrebbero essere destinati agli investimenti nel proprio business o al miglioramento della qualità della vita.

Ma ci sono anche altre importanti novità che influenzano la modalità di tassazione. Il regime dei moduli o il regime semplificato dell’IVA potrebbe essere prossimo alla fine.

comprare casa a fuerteventura investimenti immobiliari

ALCUNE DELLE NOVITÀ CHE I LAVORATORI AUTONOMI VEDRANNO NEL 2024 

Novità fiscali per i lavoratori autonomi in relazione all’IVA alle Canarie

Franquicia dell’IVA Il nuovo regime di franchigia dell’IVA esonera i lavoratori autonomi dall’includere l’IVA nelle loro fatture se fatturano meno di 85.000 euro (100.000 euro, se sono coinvolti in attività intracomunitarie). I lavoratori autonomi dovranno solo presentare una dichiarazione annuale delle loro vendite per dimostrare di rispettare i limiti per non essere soggetti a questa imposta indiretta.

Anche se è previsto che entri in vigore nel 2025, il 2024 è un anno importante. Per beneficiare della franchigia, i lavoratori autonomi non devono aver superato, nell’anno naturale precedente alla richiesta, gli 85.000 euro di volume d’affari.

L’implementazione di questo nuovo sistema è obbligatoria per le Canarie per recepire la Direttiva europea 2020/285. Questa è entrata in vigore l’18 febbraio 2020 e obbliga gli stati membri dell’UE ad attuarla entro il 1° gennaio 2025. Attualmente, questa misura è già in vigore in tutti i paesi dell’Unione Europea, tranne che nel nostro.

Il regime di franchigia dell’IVA sostituirebbe il regime di IVA forfettario e il sovrapprezzo di equivalenza, consentendo a migliaia di lavoratori autonomi di aderire a questo regime.

I cambiamenti legali necessari dovrebbero materializzarsi nel 2024 per poter entrare in vigore nel 2025. È previsto un regime transitorio, che si stabilirebbe nel 2024. Questo servirebbe a consentire ai lavoratori autonomi attualmente nel regime di IVA forfettario di adeguarsi alla nuova normativa.

Sage Despachos Connected ti aiuta a automatizzare i processi e migliorare la consulenza ai tuoi clienti con il miglior ecosistema di soluzioni collegate.

Novità fiscali in relazione all’IRPF Per quanto riguarda l’IRPF, le principali novità per il 2024 sono:

  • Aumento del minimo per la tassazione, che passa da 14.000 a 15.000 euro. Ciò significa che i lavoratori autonomi con redditi inferiori a 15.000 euro non saranno obbligati a presentare la dichiarazione dei redditi. Questo aggiornamento deriva dall’aumento del SMI.
  • Riduzione dei rendimenti del lavoro su stipendi lordi tra 15.000 e 21.000 euro. Ciò aumenta la possibilità che la dichiarazione dei redditi sia soggetta a rimborso.
  • Miglioramento della detrazione fiscale per i lavoratori autonomi nell’IRPF. Il rendimento netto dei lavoratori autonomi che pagano le tasse secondo il sistema dei moduli si riduce del 5%. Le spese di difficile giustificazione aumentano fino al 7% per tutti i lavoratori autonomi.

Novità fiscali nel sistema dei moduli nel 2024

La fine del regime dei moduli si precipiterà con l’entrata in vigore della franchigia dell’IVA e la riforma del sistema di contribuzione del RETA secondo i redditi reali. Questa riforma richiede di contabilizzare e controllare i redditi e le spese effettivi di ogni lavoratore autonomo.

In generale, sembra che il sistema dei moduli per i lavoratori autonomi tenderà a scomparire.

Novità fiscali in relazione all’Imposta sulle Società: Modifica delle aliquote fiscali Una misura che interessa i lavoratori autonomi societari è la riduzione dell’Imposta sulle Società per le piccole e medie imprese (PMI).

Dal 1° gennaio 2023 è stato introdotto un’aliquota ridotta del 23%, applicabile alle entità il cui importo netto del fatturato dell’anno fiscale immediatamente precedente sia inferiore a 1 milione di euro.

Inoltre, le nuove imprese tasseranno al 15% nei termini stabiliti dall’articolo 29 della LIS nel primo periodo fiscale. Per mantenere questa condizione, la base imponibile deve risultare positiva nei successivi 3 periodi.

Pertanto, i lavoratori autonomi devono essere preparati per i cambiamenti fiscali in arrivo. Anche se alcuni potrebbero comportare una riduzione del carico fiscale, altri comportano un cambiamento nella modalità di tassazione. 

Conoscere la normativa fiscale delle Canarie è importante se stai per intraprendere un’attività o già possiedi una partita iva, una società o una ditta individuale. Contatta un nostro commercialista italiano a Gran Canaria, Fuerteventura o Tenerife per ricevere assistenza legale, fiscale e contabile

Studio Legale alle isole canarie

Contattaci

0
Would love your thoughts, please comment.x
× Posso aiutarti?